Skip to main content Skip to search
31/03

Trasmissione telematica Certificazioni Uniche

I sostituti d’imposta o gli intermediari abilitati devono trasmettere in via telematica all’Agenzia delle Entrate le Certificazioni Uniche relative al 2019: utilizzando il modello “ordinario” della “Certificazione Unica 2020”, approvato dall’Agenzia delle Entrate; nel rispetto delle previste specifiche tecniche.
Il flusso telematico può essere suddiviso inviando separatamente, anche da parte di soggetti diversi (es. consulente del lavoro e commercialista): le certificazioni dei dati relativi ai redditi di lavoro dipendente e assimilati; rispetto alle certificazioni dei dati dei redditi di lavoro autonomo, delle provvigioni, dei redditi diversi e delle locazioni brevi.
Possono essere inviate dopo il 31.3.2020 ed entro il termine previsto per la presentazione del modello 770/2020 (2.11.2020) le certificazioni che non contengono dati da utilizzare per l’elaborazione dei modelli 730/2020 e REDDITI 2020 PF precompilati. Si tratta, ad esempio, delle certificazioni riguardanti: i redditi di lavoro autonomo derivanti dall’esercizio abituale di arti o professioni; le provvigioni; i corrispettivi erogati dal condominio per contratti di appalto; i redditi esenti.

Certificazione redditi da lavoro

I sostituti d’imposta devono consegnare ai sostituti (es. dipendenti, collaboratori coordinati e continuativi, professionisti, agenti, titolari di diritti d’autore, lavoratori occasionali, ecc.) la certificazione, relativa all’anno 2019: delle somme e valori corrisposti; delle ritenute operate; delle detrazioni d’imposta effettuate; dei contributi previdenziali trattenuti.
Per il rilascio della certificazione occorre utilizzare il modello “sintetico” della “Certificazione Unica 2020”, approvato dall’Agenzia delle Entrate.
16/03

Tassa numerazione e bollatura libri e registri

Le società di capitali devono versare la tassa annuale di concessione governativa per la numerazione e bollatura iniziale di libri e registri (es. libro giornale, libro inventari), dovuta nella misura forfettaria di: 309,87 euro, se il capitale sociale o fondo di dotazione non supera l’ammontare di 516.456,90 euro; ovvero 516,46 euro, se il capitale sociale o fondo di dotazione supera l’ammontare di 516.456,90 euro.
L’importo della tassa prescinde: dal numero dei libri e registri; dalle relative pagine.

Versamento saldo IVA 2019

I contribuenti titolari di partita IVA devono versare il saldo dell’imposta derivante dalla dichiarazione per l’anno 2019 (modello IVA 2020).
Tuttavia, il versamento del saldo IVA può essere differito, da parte di tutti i soggetti: entro il 30.6.2020, maggiorando le somme da versare degli interessi nella misura dello 0,4% per ogni mese o frazione di mese successivo al 16 marzo; oppure entro il 30.7.2020, maggiorando le somme da versare, comprensive della suddetta maggiorazione, dell’ulteriore maggiorazione dello 0,4%.

Versamento IVA mensile

I contribuenti titolari di partita IVA in regime mensile devono: liquidare l’IVA relativa al mese di febbraio 2020; versare l’IVA a debito.

Versamento ritenute e addizionali

I sostituti d’imposta devono versare: le ritenute alla fonte operate nel mese di febbraio 2020; le addizionali IRPEF trattenute nel mese di febbraio 2020 sui redditi di lavoro dipendente e assimilati.
25/03

Presentazione modelli INTRASTAT

I soggetti che hanno effettuato operazioni intracomunitarie presentano all’Agenzia delle Entrate i modelli INTRASTAT: relativi al mese di febbraio 2020, in via obbligatoria o facoltativa; mediante trasmissione telematica. I soggetti che, nel mese di febbraio 2020, hanno superato la soglia per la presentazione trimestrale dei modelli INTRASTAT presentano: i modelli relativi ai mesi di gennaio e febbraio 2020, appositamente contrassegnati, in via obbligatoria o facoltativa, mediante trasmissione telematica.
30/03

Registrazione contratti di locazione

Le parti contraenti devono provvedere: alla registrazione dei nuovi contratti di locazioni di immobili con decorrenza inizio mese di marzo 2020 e al pagamento della relativa imposta di registro; al versamento dell’imposta di registro anche per i rinnovi e le annualità di contratti di locazione con decorrenza inizio mese di marzo 2020.
Per la registrazione è obbligatorio utilizzare il nuovo “modello RLI”, approvato con il provv. Agenzia delle Entrate 19.3.2019 n. 64442.
Per il versamento dei relativi tributi è obbligatorio utilizzare il modello “F24 versamenti con elementi identificativi (F24 ELIDE), indicando gli appositi codici tributo istituiti dall’Agenzia delle Entrate.