Skip to main content Skip to search
16/06

Acconto IMU 2020

I proprietari di immobili e gli altri soggetti passivi, diversi dagli enti non commerciali, devono provvedere al versamento della prima rata dell’IMU dovuta per l’anno 2020, pari alla metà di quanto versato a titolo di IMU e TASI per l’anno 2019.
Per effetto dell’emergenza sanitaria da Coronavirus: i comuni possono differire il versamento della prima rata dell’IMU 2020; la prima rata dell’IMU 2020 non è dovuta in relazione a determinati immobili, ai sensi dell’art. 177 del DL 19.5.2020 n. 34 (c.d. “DL Rilancio”).

Versamento ritenute e addizionali

I sostituti d’imposta devono versare: le ritenute alla fonte operate nel mese di maggio 2020; le addizionali IRPEF trattenute nel mese di maggio 2020 sui redditi di lavoro dipendente e assimilati.
A causa dell’emergenza da Coronavirus, gli enti sportivi e le imprese del settore florovivaistico possono benificiare della sospensione del versamento delle ritenute sui redditi di lavoro dipendenti e assimilati, ai sensi degli artt. 61 co. 5 e 78 co. 2-quinquiesdecies del DL 18/2020.

Versamento IVA mensile

I contribuenti titolari di partita IVA in regime mensile devono: liquidare l’IVA relativa al mese di maggio 2020; versare l’IVA a debito.
A causa dell’emergenza da Coronavirus, gli enti sportivi e le imprese del settore florovivaistico possono benificiare della sospensione del versamento delle ritenute sui redditi di lavoro dipendenti e assimilati, ai sensi degli artt. 61 co. 5 e 78 co. 2-quinquiesdecies del DL 18/2020.

Versamento rata saldo IVA 2019

I contribuenti titolari di partita IVA che hanno versato, entro il 20.3.2020, la prima rata del saldo dell’imposta derivante dalla dichiarazione per l’anno 2019, devono versare la quarta rata, con applicazione dei previsti interessi.
25/06

Presentazione modelli INTRASTAT

I soggetti che hanno effettuato operazioni intracomunitarie presentano all’Agenzia delle Entrate i modelli INTRASTAT: relativi al mese di maggio 2020, mediante trasmissione telematica. I soggetti che, nel mese di maggio 2020, hanno superato la soglia per la presentazione trimestrale dei modelli INTRASTAT presentano: i modelli relativi ai mesi di aprile e maggio 2020, appositamente contrassegnati, in via obbligatoria o facoltativa, mediante trasmissione telematica.
30/06

Effettuazione adempimenti fiscali sospesi per l'emergenza Coronavirus

I soggetti colpiti dall’emergenza sanitaria da Coronavirus devono effettuare gli adempimenti tributari sospesi: che scadevano tra l’8.3.2020 e il 31.5.2020, diversi dai versamenti e dalle ritenute alla fonte; senza applicazione di sanzioni.
Si tratta, ad esempio, della presentazione: della dichiarazione IVA per l’anno 2019; della comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA relativa al primo trimestre 2020; dei modelli INTRASTAT relativi a febbraio, marzo e aprile 2020 o al primo trimestre 2020; del modello TR relativo al primo trimestre 2020; del c.d. “esterometro” relativo al primo trimestre 2020.

Versamenti imposte da modello REDDITI 2020 PF

Le persone fisiche che presentano il modello REDDITI 2020 PF devono effettuare il versamento, senza la maggiorazione dello 0,4%: del saldo per l’anno 2019 e dell’eventuale primo acconto per l’anno 2020 relativo all’IRPEF, alla “cedolare secca” sulle locazioni, all’IVIE e all’IVAFE; del saldo per l’anno 2019 relativo alle addizionali IRPEF e dell’eventuale acconto per l’anno 2020 dell’addizionale comunale; del saldo per l’anno 2019 e dell’eventuale primo acconto per l’anno 2020 relativo all’imposta sostitutiva del 5% per i c.d. “contribuenti minimi”; del saldo per l’anno 2019 e dell’eventuale primo acconto per l’anno 2020 relativo all’imposta sostitutiva (15% o 5%) per i contribuenti rientranti nel regime fiscale forfettario ex L. 190/2014; delle altre imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi. Tali versamenti possono essere rateizzati.

Versamenti contributi INPS da modello REDDITI 2020 PF

Le persone fisiche, iscritte alla Gestione artigiani o commercianti dell’INPS, oppure alla Gestione separata INPS ex L. 335/95 in qualità di lavoratori autonomi, devono effettuare il versamento, senza la maggiorazione dello 0,4%, del: saldo dei contributi per l’anno 2019; primo acconto dei contributi per l’anno 2020. Tali versamenti possono essere rateizzati.

Versamenti imposte da modello REDDITI 2020 SP

Le società di persone e i soggetti equiparati devono effettuare il versamento, senza la maggiorazione dello 0,4%, delle imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi. Tali versamenti possono essere rateizzati.

Versamenti imposte da modello REDDITI SC 2020 e ENC

I soggetti IRES con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare che hanno approvato (o che avrebbero dovuto approvare) il bilancio o il rendiconto entro il 31.5.2020, oppure che non devono approvare il bilancio o il rendiconto, devono effettuare il versamento, senza la maggiorazione dello 0,4%, delle imposte dovute a saldo per il 2019 o in acconto per il 2020 (es. IRES, relative addizionali e imposte sostituite). Tali versamenti possono essere rateizzati.

Versamenti IRAP

Le persone fisiche (se soggetti passivi), le società di persone e i soggetti equiparati i soggetti IRES con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare che hanno approvato (o che avrebbero dovuto approvare) il bilancio o il rendiconto entro il 31.5.2020, oppure che non devono approvare il bilancio o il rendiconto, devono effettuare il versamento, senza la maggiorazione dello 0,4%: del saldo IRAP per l’anno 2019; dell’eventuale primo acconto IRAP per l’anno 2020. Tali versamenti possono essere rateizzati.
Ai sensi dell’art. 24 del DL 19.5.2020 n. 34 (c.d. “DL Rilancio”), sono esclusi dal versamento del saldo 2019 e del primo acconto 2020 i contribuenti con ricavi o compensi del 2019 non superiore a 250 milioni di euro, diversi da intermediari finanziari e imprese di assicurazione.

Versamento saldo IVA 2019

I soggetti con partita IVA devono effettuare il versamento del saldo IVA relativo al 2019, risultante dal modello IVA 2020, se non ancora effettuato, con la maggiorazione dello 0,4% di interessi per ogni mese o frazione di mese successivo al 20.3.2020. Tale versamento può essere rateizzato.

Versamento IVA da indici di affidabilità fiscale

Le persone fisiche con partita IVA, le società di persone e i soggetti equiparati, i soggetti IRES con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare che hanno approvato (o che avrebbero dovuto approvare) il bilancio o il rendiconto entro il 31.5.2020, oppure che non devono approvare il bilancio o il rendiconto, ai quali sono applicabili i nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA), devono effettuare il versamento, senza la maggiorazione dello 0,4%, dell’IVA dovuta sui maggiori ricavi o compensi dichiarati per migliorare il proprio profilo di affidabilità. Tale versamento può essere rateizzato.

Versamento diritto camerale

Le imprese individuali, le società di persone, i soggetti IRES con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare che hanno approvato (o che avrebbero dovuto approvare) il bilancio o il rendiconto entro il 31.5.2020, oppure che non devono approvare il bilancio o il rendiconto, devono effettuare il pagamento, senza la maggiorazione dello 0,4%, del diritto annuale alle Camere di Commercio per la sede principale e le unità locali.

Autocertificazione per l'esclusione dal canone RAI per il secondo semestre 2019

Le persone fisiche titolari di utenze per la fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale devono presentare un’apposita autocertificazione, al fine di essere escluse dal pagamento del canone RAI in bolletta, con effetto per il secondo semestre 2020, in caso di: non detenzione di un apparecchio televisivo da parte di alcun componente della famiglia anagrafica, in alcuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di utenza di fornitura di energia elettrica; non detenzione, da parte di alcun componente della famiglia anagrafica in alcuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di utenza di fornitura di energia elettrica, di un apparecchio televisivo ulteriore rispetto a quello per cui è stata presentata una denunzia di cessazione dell’abbonamento radio-televisivo per “suggellamento”.
L’autocertificazione va presentata: compilando l’apposito modello approvato dall’Agenzia delle Entrate; mediante spedizione, in plico raccomandato senza busta, all’Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti TV, Casella Postale 22, 10121, Torino; oppure mediante trasmissione in via telematica, direttamente o tramite un intermediario abilitato, o tramite posta elettronica certificata (PEC).

Registrazione contratti di locazione

Le parti contraenti devono provvedere: alla registrazione dei nuovi contratti di locazioni di immobili con decorrenza inizio mese di giugno 2020 e al pagamento della relativa imposta di registro; al versamento dell’imposta di registro anche per i rinnovi e le annualità di contratti di locazione con decorrenza inizio mese di giugno 2020.
Per la registrazione è obbligatorio utilizzare il nuovo “modello RLI”, approvato con il provv. Agenzia delle Entrate 19.3.2019 n. 64442.
Per il versamento dei relativi tributi è obbligatorio utilizzare il modello “F24 versamenti con elementi identificativi (F24 ELIDE), indicando gli appositi codici tributo istituiti dall’Agenzia delle Entrate.